• Home
  • Beyond the concept of the “fixed number” of jobs

Beyond the concept of the “fixed number” of jobs

Written by:

Elsa Fornero (University of Turin and Collegio Carlo Alberto)
Ivan Lagrosa (Bocconi University & IGIER)

The complex relationship between the pension system and the labor market:

Social security reforms focused on increasing the retirement age have often been accompanied by strong criticism and concerns about their possible impact on employment, particularly of young people and women. Both the economic logic and the data show, however, how these fears are not necessarily founded and how are instead appropriate policies aimed at giving sustainability to the system retirement not only through formulas of greater equity within and between generations, but also through measures to make the labor market more inclusive and dynamic.

Demography, economic growth and innovation: a context of complex relationships
The progress in health conditions, the increase in life expectancy and the sharp fall in birth rates have led to a demographic transition that is leading to a partial inversion of the pyramid by age of the population: few young people at the base and an ever-increasing number of senior citizens at the top. (figure 1):

The phenomenon obviously does not concern only our country: according to estimates by Eurostat, in 2080 the share of the European population between 15 and 64 will change from the current two thirds to just over half, to the benefit of the share of people with more than 64 years, which will reach 28.1 percent instead.

While demographic changes are reshaping our society by focusing on the problems affecting relations between generations and migratory phenomena, on the other, low rates of economic growth exacerbate the demographic problem, making it more difficult to finance promised services. in years when everything seemed to have to prosper endlessly. From here, if we restrict the field to the world of pensions, the urgency and the need for structural reforms that improve the interaction between the labor market and the social security system, through the increase in participation rates and investment in capital human, ie the skills and knowledge necessary for productivity growth. In a context of strong technological innovation, the theme of competences will indeed be crucial for guaranteeing good work paths and, therefore, adequate social security benefits. Investments in the training system and, in particular, in continuous training mechanisms will be more than ever necessary to provide workers with the skills required by a continuously – and increasingly rapid – evolving labor market.

Labor market and social security system:
With the introduction of the contributory method of calculating pension benefits, in the absence of a good working life – in terms of quality and continuity – it is impossible to develop a good pension. Two important consequences derive from this consideration: political action must firstly focus on the conditions that favor the employment of the largest possible number of people and, on the other, assist those who have reached retirement age, they bring in an unfortunate work path and therefore a “pension wealth” insufficient to finance an adequate pension. The relationship between the pension system and the labor market is therefore binary: a good labor market, inclusive and dynamic, is the best prerequisite for obtaining adequate pensions; and a good pension system must not penalize work, making early exit (retirement pension) convenient, but rather must encourage employment, obviously of people in good physical condition.
On the labor market front, one of the greatest difficulties today concerns the precarious work and income of young people, which requires first of all interventions on the scholastic and extra-scholastic training processes, and measures to make the various accompanying measures work. integration and activation already foreseen by the system.
On the other hand, the employment difficulties of older people run the risk of nullifying the effect of increasing retirement age on the extension of working life. Training programs specifically targeted at this age group, the expansion of part-time and (why not?) Options, occasional but regular, pension loans and, even, figurative contributions represent a battery of instruments that can be perfectly integrated into the contributory pension system.

Work less to work all?
Beyond the changes in the pension formulas – from the retributive to the contributory ones – the demographic dynamics of the last decades have forced numerous OECD countries to raise the retirement age, with the aim of making the respective pension systems sustainable over time. Similar adaptation interventions have often been accompanied, in Italy as abroad, by strong concerns about their possible impact on the employment side, in particular with an eye to young people. In order for a prolonged stay in the workplace of the elderly to have a negative impact on the employment opportunities of the young people, on the one hand, the jobs offered by a market may be considered as fixed over time – a sort of zero-sum budget. – and that, on the other, young and old can be easily replaced in their workplace.
The logic that led Italy – and many other European countries – to lower the effective retirement age until almost the middle of the 1990s, despite the repeated alarms on the sustainability of social security systems, is known in economics as the error of the fixed number of jobs: if the elderly remain in business – it is claimed – there are fewer places for young people. Consequently, it is considered opportune, socially as well as individually, to promote early retirement in order to make way for young people.
However, this is a logic that has no basis in economic theory and which finds little feedback in the data. In fact, the setting of the fixed number of jobs to be divided among workers must be reversed to ask what the characteristics of an inclusive and dynamic labor market are and what policies can incentivize it. From an empirical point of view, data observation shows that countries in which the activity rates of older people are higher are also those with the highest employment rates of young people and women. Although there are no hard rules in economics, Gruber, Milligan and Wise write that “there is no evidence that getting older workers out of the labor market will make jobs available to young people. If anything, the opposite is true; paying because a senior worker exits the labor force reduces the employment rate and increases the unemployment rate of young people and workers with a few years of seniority ». Even more convincing is the evidence provided by the positive relationship between the creation of new jobs for young people and the elderly respectively [Figures 2 and 3]. If there were a mechanism of substitution for the increase of ones it would correspond to a reduction of the others. If they grow together, it means that other factors (for example a lower cost or greater flexibility – not precariousness – of work) are able to determine the growth of both.

Variation of employement rate, average 2007-17
Variation of unemployement rate, average 2007-17

Of course, what is worthwhile in the trend may not be confirmed in the short term or in recessionary circumstances, when an increase in the exit age could have a negative effect on the employment of the weaker segment of the labor market, now represented almost everywhere – but in Italy in a particularly accentuated way – by young people. This is the empirical evidence presented in a recent study by T. Boeri, P. Garibaldi and E. Moen. The research, looking at the INPS figures on the corporate tax returns of companies with more than 15 private sector employees – remained active throughout the 2008-2014 period – suggests that the 2011 reform has led to a substitution effect between the employment of older people and that of the youngest, which has experienced a quantifiable reduction in about 37,000 units.
However, a study by the Bank of Italy on data from the ISTAT Labor Force Survey for the period 2004-2016, led by F. Carta, F. D’Amuri and T.M. Wachter (work in progress, cited in the Governor’s Final Considerations 2017), soon to be published, instead shows clear complementary effects also in the short term: at the turn of the 2011 reform, in the period 2004-2016, the relationship between the rate variation youth employment and the change in the employment rate of older people has remained positive; checking for the cyclical conditions, the increase in the number of older workers (55-69 years) is therefore accompanied by an increase, albeit of a lesser extent, by younger workers (15-34 years).

To conclude:
The challenges that await our economies in the coming decades are expected to be large and complex: from the aging of the population to the dynamics of low economic growth, passing through a technological innovation that will deeply revolutionize the labor market. With the reforms of the financial sustainability of the pension system, it is now necessary to address the political agenda to actions that act on the employment front, to prepare workers and businesses to seize the opportunities arising from the use of new technologies, and to protect those who instead they are damaged today, in work and salaries, and tomorrow, in retirement. While apprenticeships, continuous training and effective active policies are tools that can alleviate the employment problem, the payment, by the general tax system, of contributions for periods of absence from work due to unemployment or nursing work appears to be able to tackle the pension problem of young people better than promises made by politicians without any connection to the creation of new wealth.

Bibliography:
The work, in its first part, contains a summary of more fully developed topics in:
Elsa Fornero, Who is afraid of reforms, Illusions, clichés and truth about pensions, Università Bocconi Editore, 2018.
The empirical part instead refers to:
J. Gruber and D. Wise, (eds.) Social security programs and retirement around the word. The relationship to youth employment, The University of Chicago Press, 2010
T. Boeri, P. Garibaldi and E. Moen, A clash of generations? Increase in Retirement Age and Labor Demand for Youth, http://www.reforming.it/doc/931/workinps-papers.pdf

 

 

 

 

Oltre la concezione del “numero fisso” di posti di lavoro

Written by:

Elsa Fornero (University of Turin and Collegio Carlo Alberto)
Ivan Lagrosa (Bocconi University & IGIER)

La complessa relazione tra sistema pensionistico e mercato del lavoro

Le riforme previdenziali incentrate sull’aumento dell’età di pensionamento sono spesso state accompagnate da forti critiche e preoccupazioni circa il loro possibile impatto sull’occupazione, in particolare dei giovani e delle donne. Sia la logica economica sia i dati mostrano, però, come questi timori non siano necessariamente fondati e come siano invece opportune politiche volte a dare sostenibilità al sistema! pensionistico non soltanto attraverso formule di maggiore equità entro e tra le generazioni, ma anche attraverso misure atte a rendere il mercato del lavoro più inclusivo e dinamico.

Demografia, crescita economica e innovazione: un contesto di relazioni complesse

Il progresso nelle condizioni di salute, l’aumento della speranza di vita e la forte caduta nei tassi di natalità hanno determinato una transizione demografica che sta portando a una parziale inversione della piramide per età della popolazione: pochi giovani alla base e un numero sempre maggiore di anziani al vertice [Figura 1].

Il fenomeno non riguarda ovviamente solo il nostro Paese: secondo stime dell’Eurostat, nel 2080 la quota di popolazione europea compresa tra i 15 e i 64 anni passerà dagli attuali due terzi a poco più della metà, a vantaggio della quota di persone con più di 64 anni, che raggiungerà invece il 28,1 per cento1.

Se da una parte i cambiamenti demografici rimodellano la nostra società mettendo in primo piano i problemi che riguardano i rapporti tra le generazioni e i fenomeni migratori, dall’altra i bassi tassi di crescita economica aggravano il problema demografico, rendendo più difficile il finanziamento di prestazioni promesse in anni in cui tutto sembrava dover prosperare senza fine. Da qui, se restringiamo il campo al mondo delle pensioni, l’urgenza e la necessità di riforme strutturali che migliorino l’interazione tra il mercato del lavoro e il sistema previdenziale, attraverso l’aumento dei tassi di partecipazione e l’investimento in capitale umano, ossia in capacità e conoscenze necessarie per la crescita della produttività. In un contesto di forte innovazione tecnologica, proprio il tema delle competenze risulterà infatti cruciale per garantire buoni percorsi lavorativi e, quindi, adeguate prestazioni previdenziali. Investimenti nel sistema formativo e, in particolare, in meccanismi di formazione continua saranno più che mai necessari per fornire ai lavoratori le competenze richieste da un mercato del lavoro in continua – e sempre più rapida – evoluzione.

Mercato del lavoro e sistema previdenziale
Con l’introduzione del metodo contributivo di calcolo della prestazione pensionistica, in mancanza di una buona vita lavorativa – in termini di qualità e continuità – è impossibile maturare una buona pensione. Da questa considerazione derivano due conseguenze importanti: l’azione politica deve, da una parte, concentrarsi prioritariamente sulle condizioni che favoriscono l’occupazione del maggior numero possibile di persone e, dall’altra, assistere coloro che, raggiunta l’età di pensionamento, portano in dote un percorso lavorativo sfortunato e pertanto una “ricchezza pensionistica” insufficiente a finanziare una pensione adeguata. La relazione tra sistema pensionistico e mercato del lavoro è pertanto binaria: un buon mercato del lavoro, inclusivo e dinamico, costituisce il miglior presupposto per ottenere poi pensioni adeguate; e un buon sistema pensionistico non deve penalizza il lavoro, rendendo conveniente l’uscita anticipata (pensione di anzianità) ma anzi deve incoraggiare l’occupazione, ovviamente di persone in buona condizione fisica.
Sul fronte del mercato del lavoro, una delle maggiori difficoltà riguarda oggi la precarietà lavorativa e di reddito dei giovani, la quale richiede anzitutto interventi sui processi di formazione scolastici ed extra-scolastici, e misure atte a far funzionare le diverse misure di accompagnamento, di integrazione e di attivazione già previste dal sistema.
Sul versante opposto, le difficoltà occupazionali dei più anziani rischiano invece di vanificare l’effetto dell’aumento dell’età di pensionamento sull’estensione della vita lavorativa. Programmi di formazione specificamente diretti a questa classe di età, allargamento delle opzioni di lavoro a tempo parziale e (perché no?) occasionale ma regolare, prestiti pensionistici e, ancora, contributi figurativi rappresentano una batteria di strumenti perfettamente integrabili nel sistema pensionistico contributivo.

Lavorare di meno per lavorare tutti?
Al di là dei cambiamenti nelle formule pensionistiche – da quelle retributive a quelle contributive – le dinamiche demografiche degli ultimi decenni hanno costretto numerosi Paesi OCSE ad innalzare l’età di pensionamento, con il fine di rendere i rispettivi sistemi di previdenza sostenibili nel tempo. Simili interventi di adeguamento sono spesso stati accompagnati, in Italia come all’estero, da forti preoccupazioni circa il loro possibile impatto sul versante occupazionale, in particolare con uno sguardo rivolto ai giovani. Affinché una prolungata permanenza sul posto di lavoro degli anziani possa però ripercuotersi negativamente sulle opportunità di impiego dei più giovani occorre, da una parte, che i posti di lavoro offerti da un mercato siano considerabili come fissi nel tempo – una sorta di dotazione a somma zero – e che, dall’altra, giovani e anziani possano essere facilmente sostituiti sul loro posto di lavoro.
La logica che ha condotto l’Italia – e molti altri paesi europei – ad abbassare l’età effettiva di pensionamento fino quasi alla metà degli Anni ’90 del secolo scorso, nonostante i ripetuti allarmi sulla sostenibilità dei sistemi previdenziali, è nota in economia come l’errore del numero fisso di posti di lavoro: se gli anziani restano in attività -si sostiene- vi sono meno posti per i giovani. Per conseguenza si considera opportuno, socialmente oltre che individualmente, promuovere il pensionamento anticipato in modo da fare largo ai giovani.
Si tratta però di una logica che non ha fondamento nella teoria economica e che trova scarso riscontro nei dati. L’impostazione del numero fisso di posti di lavoro da suddividere tra i lavoratori va infatti rovesciata per domandarsi quali siano le caratteristiche di un mercato del lavoro inclusivo e dinamico e quali siano le politiche in grado di incentivarlo. Sotto il profilo empirico, l’osservazione dei dati mostra come i Paesi nei quali i tassi di attività degli anziani sono più alti, sono anche quelli con i più alti tassi di occupazione dei giovani e delle donne. Anche se in economia non esistono regole ferree, Gruber, Milligan e Wise scrivono che «non c’è alcuna prova che indurre i lavoratori anziani a uscire dal mercato del lavoro renda disponibili posti di lavoro per i giovani. Semmai, è vero il contrario; pagare perché un lavoratore anziano esca dalla forza lavoro riduce il tasso di occupazione e accresce il tasso di disoccupazione dei giovani e dei lavoratori con pochi anni di anzianità». Ancora più convincente è l’evidenza fornita dalla relazione positiva tra la creazione di nuovi posti di lavoro rispettivamente per i giovani e per gli anziani [Figure 2 e 3]. Se vi fosse un meccanismo di sostituzione all’aumento degli uni corrisponderebbe una riduzione degli altri. Se crescono insieme vuol dire che altri fattori (per esempio un più basso costo oppure una maggiore flessibilità – non precarietà – del lavoro) sono in grado di determinare la crescita di entrambi.

Variation of employement rate, average 2007-17
Variation of unemployement rate, average 2007-17

Naturalmente, ciò che vale in tendenza può non trovare conferma nel breve periodo o in circostanze recessive, quando un aumento dell’età di uscita potrebbe esercitare un effetto negativo sull’occupazione del segmento più debole del mercato del lavoro, oggi rappresentato quasi ovunque – ma in Italia in modo particolarmente accentuato – dai giovani. È questa l’evidenza empirica presentata in un recente studio di T. Boeri, P. Garibaldi ed E. Moen. La ricerca, guardando ai dati Inps sulle dichiarazioni contributive delle imprese con più di 15 dipendenti del settore privato – rimaste attive per tutto il periodo 2008-2014 – suggerisce come la riforma del 2011 abbia comportato un effetto di sostituzione tra l’occupazione dei più anziani e quella dei più giovani, la quale ha conosciuto una riduzione quantificabile in circa 37.000 unità.
Tuttavia, uno studio di Banca d’Italia sui dati della Rilevazione sulle forze di lavoro dell’Istat per il periodo 2004-2016, condotto da F. Carta, F. D’Amuri e T.M. Wachter (work in progress, citato nelle Considerazioni Finali del Governatore 2017), di prossima pubblicazione, mostra invece chiari effetti di complementarietà anche nel breve termine: a cavallo della riforma del 2011, nel periodo 2004-2016, la relazione tra la variazione del tasso di occupazione giovanile e la variazione del tasso di occupazione dei più anziani è rimasta infatti positiva; controllando per le condizioni cicliche, all’incremento del numero di lavoratori più anziani (55-69 anni) è quindi corrisposto un incremento, seppur di minor portata, di quelli più giovani (15-34 anni).

Per concludere
Le sfide che attendono le nostre economie nei prossimi decenni si prospettano ampie e complesse: dall’invecchiamento della popolazione a dinamiche di bassa crescita economica, passando per una innovazione tecnologica che andrà a rivoluzionare in maniera profonda il mercato del lavoro. Assicurata, con le riforme, la sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico, occorre ora indirizzare l’agenda politica verso interventi che agiscano sul fronte occupazionale, per preparare lavoratori e imprese a cogliere le opportunità derivanti dall’utilizzo delle nuove tecnologie, e per proteggere coloro che invece ne risultano danneggiati oggi, nel lavoro e nelle retribuzioni, e domani, nella pensione. Mentre apprendistato, formazione continua e politiche attive efficaci sono strumenti che possono alleviare il problema occupazionale, il versamento, a carico della fiscalità generale, dei contributi per periodi di assenza dal lavoro per disoccupazione o lavoro di cura appare in grado di affrontare il problema pensionistico dei giovani meglio di promesse fatte dai politici senza alcun aggancio alla creazione di nuova ricchezza.

Bibliografia
Il lavoro, nella sua prima parte, contiene una sintesi di argomenti più compiutamente sviluppati in:
Elsa Fornero, Chi ha paura delle riforme, Illusioni, luoghi comuni e verità sulle pensioni, Università Bocconi Editore, 2018.
La parte empirica fa invece riferimento a:
J. Gruber and D. Wise, (eds.) Social security programs and retirement around the word. The relationship to youth employment, The University of Chicago Press, 2010
T. Boeri, P. Garibaldi ed E. Moen, A clash of generations? Increase in Retirement Age and Labor Demand for Youth, http://www.reforming.it/doc/931/workinps-papers.pdf