• Home
  • CECIMO annuncia una quota di mercato del 35% per le macchine utensili nel 2018

CECIMO annuncia una quota di mercato del 35% per le macchine utensili nel 2018

Durante l’Assemblea Generale a Rüschlikon, CECIMO ha annunciato un fatturato per il 2018 di € 27,5 miliardi, che è del 9% più alto rispetto al 2017. Questo assicura una quota di mercato del 35% nella produzione globale di macchine utensili. Ma il rallentamento del commercio globale e l’indebolimento del sentiment aziendale sono pesanti rischi al ribasso per i produttori europei di macchine utensili. Per quanto riguarda le politiche, l’Assemblea generale ha discusso l’intelligenza artificiale e le competenze per le aziende produttrici di macchine utensili. La mancata corrispondenza delle competenze alle necessità è un fenomeno complesso, multidimensionale e dinamico. La tavola rotonda si è incentrata sulle sfide che le aziende di macchine utensili devono superare per acquisire le competenze necessarie e creare fiducia e sviluppare capacità interne nell’intelligenza artificiale.

Prospettive economiche e tendenze

La crescita industriale è rallentata nel 2018 a causa della stagnazione del commercio mondiale, delle incertezze geopolitiche e del sentiment imprenditoriale più debole. Ci aspettiamo che l’attività industriale rallenti nel 2019 e recuperi un po’ di slancio nel 2020. Quest’anno, il mercato europeo delle macchine utensili rischia di espandersi più lentamente degli Stati Uniti e dell’Asia.

Le ultime stime di CECIMO per il 2018 suggeriscono un’altra produzione di macchine utensili da record pari a € 27,5 miliardi, superiore del 9% rispetto all’anno precedente. La produzione globale è cresciuta a un tasso fisso dell’1% e ha raggiunto un volume di 79,7 miliardi di euro nel 2018. La crescita della produzione è stata trainata da Cina, Brasile, Turchia e Canada, registrando tassi di crescita negativi a due cifre.

I nostri clienti in Europa hanno registrato un tasso di crescita della produzione dell’1,8% nel 2018 e prevedono una crescita piatta quest’anno. La produzione mondiale delle industrie di acquisto di macchine utensili in tutto il mondo ha registrato una crescita di circa il 5% nel 2018 e dovrebbe rallentare al 2,3% nel 2019.

Sia il commercio europeo sia quello mondiale delle macchine utensili hanno rallentato di molto. Sebbene le principali misure fiscali all’importazione degli Stati Uniti siano rivolte alla Cina, il settore automobilistico europeo è a rischio. Anche l’attività industriale di altri settori di consumo sta rallentando. L’anno scorso i produttori CECIMO hanno esportato un volume di macchine utensili per 21,7 miliardi di euro. Abbiamo registrato una crescita delle esportazioni dell’8,4%, più lenta di quella del 2017 (9,5%). Le nostre principali destinazioni di esportazione extra CECIMO sono state la Cina (25,7%), gli Stati Uniti (18,3%), la Polonia (8,1%), il Messico (4,7%) e la Russia (4,6%). Nel 2018, il commercio mondiale di macchine utensili ha rappresentato 44,1 miliardi e ha registrato un tasso di crescita più lento del 6,9%, dopo il 9,5% nel 2017.

Sulla base dei dati interni, il consumo di macchine utensili CECIMO nel 2018 è stimato a 18

€ miliardi, l’11,8% in più rispetto al 2017. Quest’anno i nostri colleghi di Oxford Economics suggeriscono un tasso di crescita costante dell’1% e una ripresa del 4,2% nel 2020. Il consumo mondiale di macchine utensili è cresciuto del 4% nel 2018. Quest’anno, si prevede una crescita del 2,3% e un’accelerazione del 3,5% nel 2020.

La decelerazione del commercio globale, i rischi geopolitici e le interruzioni della catena di distribuzione stanno gravando pesantemente sui produttori europei di macchine utensili. “Un commercio globale forte è assolutamente necessario per sostenere l’attività industriale in Europa e nel mondo intero. Questo è il motivo per cui dobbiamo fare del nostro meglio per costruire una solida relazione commerciale con gli Stati Uniti. Un accordo commerciale bilaterale sui beni industriali sarebbe un ottimo punto di partenza “, afferma Marcus Burton, presidente del Comitato economico del CECIMO.

Intelligenza e abilità artificiali

Secondo il rapporto Future of Jobs del World Economic Forum (2018), il 54% dei dipendenti richiederà significativi interventi di riqualificazione e aggiornamento entro il 2022. Questi risultati si riflettono anche in un recente sondaggio di LinkedIn Learning che suggerisce che l’intelligenza artificiale è tra le 5 migliori competenze delle quali le aziende hanno più bisogno nel 2019. CECIMO all’Assemblea Generale ha esaminato come soddisfare le esigenze dell’industria delle macchine utensili nelle competenze relative all’intelligenza artificiale.

Nel suo discorso di apertura, Francisco Betti, Responsabile dell’industria manifatturiera avanzata, World Economic Forum, ha evidenziato il ruolo unico che le aziende di macchine utensili svolgono oggi per trasformare fabbriche e modelli di business. Ha anche sottolineato la criticità dei talenti e delle competenze per il futuro della produzione avanzata e per tenere il passo con i cambiamenti apportati dall’intelligenza artificiale e altre tecnologie, e la necessità di rafforzare la collaborazione multi-stakeholder.

Le competenze per la strategia industriale 2030 sono in cima all’agenda politica dell’UE, ma sono necessari impegni concreti da parte dei leader politici nell’istruzione e nella formazione, a partire da una rivalutazione dei sistemi di istruzione.

Filip Geerts, direttore generale CECIMO, ha chiesto “un massiccio aggiornamento delle competenze della forza lavoro europea per raggiungere la rapida trasformazione dell’industria. Lo sviluppo e l’introduzione dell’intelligenza artificiale nel settore manifatturiero richiede competenze di base speciali, che devono essere attentamente incoraggiate per garantire la leadership dell’UE in questo campo”.

Le aziende devono investire nello sviluppo professionale della loro forza lavoro straordinaria. In questo contesto, la sfida principale per le aziende di macchine utensili è quella di formare ingegneri meccanici, elettronici ed elettrici nell’intelligenza artificiale, Python per la scienza dei dati, matematica essenziale per l’intelligenza artificiale, metodi di ricerca sulle scienze dei dati e così via. I dipendenti devono essere motivati a imparare e crescere continuamente. Marc Ziegler, Partner di Porsche Consulting, ha presentato la partnership strategica su AI e competenze con “appliedAI”, un’iniziativa di UnternehmerTUM, uno dei più grandi centri d’innovazione e creazione d’impresa in Europa. Ha spiegato che “la trasformazione delle aziende in strutture controllate dall’IA richiede una serie di nuovi ruoli dedicati che comportano varie nuove competenze, dalla analisi dei dati agli ingegneri del machine learning”.

Trovare le competenze giuste è fondamentale per il settore delle macchine utensili per trarre vantaggio dalle opportunità offerte dall’intelligenza artificiale.
Ad esempio, secondo uno studio di McKinsey, l’intelligenza artificiale potrebbe creare un valore potenziale stimato di $ 500B a $ 0,7 T nella manutenzione predittiva in tutti i settori della gestione della catena di approvvigionamento e della produzione a livello globale. Il Dr Roland Feichtl, Presidente CECIMO, ha dichiarato che “Le aziende di macchine utensili che considerano l’opzione di costruire le proprie soluzioni di IA dovranno considerare se hanno la capacità di attrarre e trattenere talenti di Intelligenza Artificiale per essere in grado di integrare queste tecnologie nei loro processi produttivi”. Thomas Schneider, Managing Director Research & Development di TRUMPF Werkzeugmaschinen GmbH + Co. KG, ha sottolineato l’importanza dell’intelligenza artificiale per raggiungere il livello successivo di Industry 4.0. A questo riguardo, Andreas Rauch, responsabile del settore Digital Business di GF Machining Solutions, ha dichiarato che “l’IA sarà il nostro naturale percorso per la produzione di difetti zero e sarà la colla per future soluzioni multi-tecnologia”.

Scritto da:

Filip Geerts, direttore generale di CECIMO