• Home
  • Editoriale numero n. 67

Editoriale numero n. 67

This post is also available in: English (Inglese)

La situazione economica è piuttosto instabile: da un lato, la decelerazione della crescita economica nell’eurozona è sempre più sensibile, dall’altro la stessa incertezza sul futuro dell’UE stessa, stanno generando instabilità e timori nelle borse e poi, di conseguenza, in tutti i settori industriali. La crescita di gruppi politici che sostengono le ideologie anti-UE sono sicuramente preoccupanti come i contrasti continui tra gli Stati membri. Gli ordini sono scesi solo lievemente nel primo trimestre, ma i livelli attuali sono superiori del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Gli indicatori commerciali trimestrali hanno ottenuto un punteggio inferiore rispetto al trimestre precedente, trascinati verso il basso dall’euro forte e dalle dispute sulle tariffe doganali. Nonostante ciò, abbiamo esportato il 10% in più rispetto al primo trimestre del 2017. In effetti, le importazioni dalle Americhe sono diminuite del 95% nel corso dell’anno.

L’UE e gli USA hanno convenuto di lavorare per una politica tariffaria doganale prossima a zero. Nel complesso, i gestori del settore delle macchine utensili restano ottimisti riguardo al terzo trimestre.

Per quanto riguarda l’Estremo Oriente, si prevede che la crescita economica nella regione perderà una certa trazione. Il positivo andamento della crescita delle esportazioni del Q2 nella regione non ha rispecchiato un rinnovato slancio nel commercio globale, ma piuttosto il caricamento frontale della produzione e della spedizione in vista dell’attuazione delle tariffe commerciali tra la Cina e gli Stati Uniti il 6 luglio. Inoltre, le dinamiche degli investimenti sono peggiorate nella regione come debolezze economiche nei principali attori globali, tra cui la Cina e l’Unione europea, e crescenti rischi geopolitici hanno pesato sul sentiment degli investitori. Ciò è stato dimostrato dall’ampio deterioramento delle letture del PMI manifatturiero della regione a luglio. Insieme ai rischi della guerra commerciale e al rallentamento della crescita globale, il recente selloff nei mercati emergenti ha portato il maggior numero di valute nella regione a svalutare e pone ulteriori rischi per le prospettive economiche dell’Asia orientale e meridionale. Mentre l’impatto è stato ampiamente limitato per ora, con la notevole eccezione del Pakistan, un maggior numero di episodi di deflussi di capitali potrebbe seriamente colpire i mercati finanziari della regione e mettere a dura prova le posizioni esterne dei paesi.

Negli Stati Uniti, la crescita economica si sta rafforzando a circa il 3%, in gran parte a causa di una notevole spinta fiscale. La crescita dell’occupazione rimane robusta che, insieme ai vivaci prezzi delle attività e alla forte fiducia dei consumatori, sta sostenendo la crescita dei redditi e dei consumi. Si prevede che gli investimenti delle imprese si rafforzeranno a seguito di importanti riforme fiscali e condizioni finanziarie favorevoli. Una ripresa dell’economia mondiale sta sostenendo la crescita delle esportazioni, sebbene siano emerse tensioni sul modo migliore per ridurre gli ostacoli al commercio. La politica fiscale è destinata ad allentare sostanzialmente. Poiché gli stanziamenti di spesa sono determinati, dovrebbero dare la priorità alla spinta della capacità produttiva dell’economia, ad esempio sostenendo gli investimenti in infrastrutture. La politica fiscale combinata con le politiche strutturali può anche aiutare chi lavora ai margini della forza lavoro verso l’occupazione. A causa dei riequilibri della politica macroeconomica, è necessario un graduale ritiro graduale dell’alloggio monetario per garantire che l’inflazione ritorni agli obiettivi e che le aspettative di inflazione salgano alle loro norme storiche. Sono emersi rischi accresciuti nel settore delle società non finanziarie.

È un momento confuso, in cui è difficile prevedere ciò che sarà, anche a breve termine. L’instabilità politica in Medio Oriente o nell’Africa settentrionale, le scelte della Turchia nello scenario siriano, le variabili delle elezioni a medio termine negli Stati Uniti e le elezioni europee del prossimo maggio renderanno l’incertezza ancora peggiore.

Viviamo in un periodo che è piuttosto difficile da capire, quando il segnale contrastante aumenta, dalle economie in aumento fino all’incertezza politica, dalla crescita positiva alla paura per la diminuzione e la stagnazione. Le tendenze positive di lunga durata degli ultimi decenni sono, infatti, materia del passato, ora siamo costretti a lavorare con ordini per un mese al massimo: la programmazione non è così facile per l’azienda, ciò che riduce i margini che sono già bassi. La soluzione migliore è la cooperazione e l’ampliamento dei mercati e delle aree di interesse, che non potrebbero essere facili per le piccole imprese, ma è quasi possibile, seguendo il modello di molte aziende con sede in Estremo Oriente, tenendo in considerazione le differenze tra i due tessuti produttivi.

(fonti: sondaggi e previsioni di eecd e cecimo)