Wire and Tube: terms for 2022 are set: the next editions will take place from May 9 to 13, 2022

After the cancellation of the leading international trade fairs wire and Tube 2020 due to the current COVID-19 infection situation, the next editions will take place from May 9 to 13, 2022.

“We look forward to welcoming exhibitors and visitors to Düsseldorf in person again,” says Daniel Ryfisch, Project Director wire / Tube & Flow Technologies. “Corona has shown that digitalization brings many advantages. But it cannot replace personal meetings, conversations and contacts”.

Wire and Tube, which were originally planned for March 30 to April 3, 2020, were on a record course until the COVID-19 related postponement. The number of registrations from exhibitors and visitors in spring exceeded all expectations. “For us this was a further signal and renewed confirmation that we have the No. 1 trade fairs for the wire, cable and tube industry here in Düsseldorf”, explains Daniel Ryfisch. “This is where the international top decision-makers of the exhibitor and visitor sectors come together.”

As usual, wire will be located in halls 9 to 17 – and Tube in halls 1 to 7.0. Companies wishing to exhibit at wire and Tube 2022 can already register starting at the end of March 2021

Editoriale – numero 79 – anno 2021

Secondo la revisione trimestrale di Cecimo del mercato e della produzione delle macchine utensili, i livelli di produzione di MT sono in calo, poiché le prime stime mostrano che la produzione è diminuita di oltre il 30% nel 2020 a causa della pandemia. In volumi assoluti, la produzione di macchine utensili dovrebbe scendere a 18,7 miliardi di euro nel 2020. Questo è il punteggio peggiore per la produzione di macchine utensili aggregate CECIMO dalla crisi finanziaria del 2009.

Sempre secondo Cecimo Statistics Toolbox Q3-2020, l’indice di produzione industriale dell’UE27 continua a diminuire nel terzo trimestre del 2020. La lettura trimestrale IPI media dell’economia europea è attualmente del 99,3, una diminuzione del -5% rispetto allo stesso periodo del precedente anno. In termini settoriali, il settore dei beni di investimento registra diminuzioni a due cifre durante questo periodo di tre mesi.

La domanda ora è: per quanto tempo l’industria europea e, da un punto di vista più ampio, l’economia europea resisteranno a questo stato di cose? Questi dati sono vecchi di qualche mese, quando tutti aspettavamo il 2021 come l’anno in cui la pandemia si sarebbe definitivamente lasciata alle spalle: ora, nelle idi di marzo, abbiamo la ragionevole certezza che dovremo affrontarla fino al terzo trimestre e che la sua eredità più significativa debba ancora venire.

In Italia, dove le esportazioni totali segnano il -24,2% rispetto al 2019, per un valore di circa 2.300 milioni di euro, lo scenario è cupo: il governo ha largamente consentito la cassa integrazione straordinaria, con contemporaneo divieto di licenziamento, ma alla fine di questi provvedimenti molte aziende saranno costretti a licenziare molti dei loro lavoratori. Se la pandemia durerà più a lungo, sarà difficile per un gran numero di aziende, non solo del Turismo e dell’Enogastronomia, ma anche dei Servizi e dell’Industria, resistere: tante hanno già chiuso, molto di più insomma.

L’11 febbraio 2021, la Commissione europea ha pubblicato le previsioni economiche per l’inverno 2021. Le previsioni prevedono che l’economia dell’area dell’euro crescerà del 3,8% sia nel 2021 che nel 2022. Le previsioni prevedono che l’economia dell’UE crescerà del 3,7% nel 2021 e del 3,9% nel 2022.

Le economie dell’area dell’euro e dell’UE dovrebbero raggiungere i livelli di produzione pre-crisi prima del previsto nelle previsioni economiche dell’autunno 2020, in gran parte a causa della dinamica di crescita più forte del previsto prevista nella seconda metà del 2021 e nel 2022.

Dopo la forte crescita nel terzo trimestre del 2020, l’attività economica si è nuovamente contratta nel quarto trimestre poiché una seconda ondata della pandemia ha innescato nuove misure di contenimento. Con tali misure ancora in vigore, le economie dell’UE e dell’area dell’euro dovrebbero contrarsi nel primo trimestre del 2021. La crescita economica dovrebbe riprendere in primavera e acquisire slancio in estate con il progredire dei programmi di vaccinazione e le misure di contenimento gradualmente allentate.

Anche le migliori prospettive per l’economia globale dovrebbero sostenere la ripresa. L’impatto economico della pandemia rimane disomogeneo tra gli Stati membri e si prevede che anche la velocità della ripresa varierà in modo significativo.

Anche per Tube Today la pandemia ha complicato tutto: le fiere hanno cambiato il loro programma, alcune sono state cancellate, altre si sono tenute virtualmente, e l’organizzazione delle uscite è stata soggetta a continui cambiamenti. Ad ogni modo, stiamo ancora lavorando per offrire ai nostri lettori, abbonati e clienti, il miglior servizio possibile.

Ci vediamo in giorni migliori.